Dopo Apple, anche Google bloccherà la pubblicità personalizzata di Facebook su Android, e adesso?

Home » Dopo Apple, anche Google bloccherà la pubblicità personalizzata di Facebook su Android, e adesso?

Tempo richiesto: 7 minuti.

Dopo il blocco facoltativo della pubblicità personalizzata, introdotto da Apple sulle App con IOS 14, i dati sono questi:

oltre il 90% degli utenti post IOS 14 in USA ha declinato. Quindi rifiutando di fatto a trasferire il proprio Identifier for Advertisers (IDFA) a Facebook per ricevere offerte personalizzate.

Altre statistiche indicano che in Italia invece i 2/3 degli utenti in generale (mobile e desktop, sarebbero favorevoli a continuare a riceverle).

Anche Google ha annunciato che avrebbe trovato una soluzione per chiedere agli utenti il consenso sulle app Android.

Se questo succederà che cosa accadrebbe alle performance delle campagne on-line?
Quali sono gli altri problemi sul tracciamento utenti e conversioni?
Per quanto riguarda i cookie di terze parti come si stanno comportando i Browser?

Come investire in pubblicità personalizzata nel 2022.

Cosa consigliamo e cosa possiamo fare noi di Shooting Studio per non perdere dati preziosi sui visitatori, conversioni e vendite? Puoi scriverci qui per ottenere consulenza e strategie personalizzate per il tuo business.

  1. Pubblicità personalizzata cosa si intende?

    Che cosa significa pubblicità personalizzata?
    Quali sono gli ostacoli che impediscono la segmentazione degli utenti?
    Cosa sono i cookies e come influiscono sulla possibilità di fare pubblicità personalizzata?
    Quando facciamo ads per i diversi segmenti di pubblico?
    Come si fa la pubblicità personalizzata nel 2022?

  2. Cosa consiglia di fare Google per adeguarsi ai recenti sviluppi dell’industria?

    Come abbiamo getsito questa situazione?

  3. Come rimanere al passo e continuare ad avere campagne personalizzate efficaci?

    Perchè continuare a fare pubblicità personalizzte efficaci?

Pubblicità personalizzata cosa si intende?

Il concetto di pubblicità personalizzata riguarda tutte quelle campagne pubblicitarie che si basano su gruppi di utenti definiti e con caratteristiche simili.

Per esempio noi dividiamo gli utenti e prepariamo campagne pubblicitarie adeguate su ogni segmento di pubblico.

Così facendo siamo in grado di dividere gli utenti per esempio in 3 macro gruppi. Chi non conosce il brand, chi ha gia interagito almeno una volta con il sito o i conenuti del brand, chi è pronto per effettuare un acquisto.

Questo è possibile creando dei percorsi utente predefiniti, per esempio, con delle azioni specifiche da compiere fino all’arrivo allo step finale del percorso, che solitamente è la vendita.

Quindi mostriamo ads differenti ad ognuno di questi 3 gruppi di utenti. Questo funziona molto perchè permette di incentivare le azioni in modo graduale. Abituiamo quindi l’utente a ricevere informazioni diluite nel tempo, e di tanto in tanto gli chiediamo di compiere un’azione, che dimostra l’interesse e la considerazione per i prodotti del cliente.

Che cosa significa pubblicità personalizzata?

Per suddividere gli utenti, per interesse dimostrato, possiamo creare un pubblico personalizzato nella audience di Facebook o di Google.

Tutti gli utenti di quel segmento di pubblico riceveranno pubblicità differenti.

Dopo la modifica di IOS 14, con l’introduzione del banner che si palesa aprendo le varie app sui dispositivi Apple, quello che succede è che gli utenti che negano il consenso, potrebbero venire esclusi dai vari gruppi di pubblico personalizzato di Facebook.

Quindi dobbiamo suddividere gli utenti non solo basandoci sulle custom audience di Facebook o di Google, ma anche in altri modi funzionali.

Quali sono gli ostacoli che impediscono la segmentazione degli utenti?

Oltre al consenso Ios 14, anche la longevità dei cookies sta cambiando, i vari browser supportano i cookies in modo differente e per un tempo minore rispetto a prima, altro aspetto da non sottovalutare.

Cosa sono i cookies e come influiscono sulla possibilità di fare pubblicità personalizzata?

I cookies sono dei file che contengono informazioni più o meno codificate. In questo caso permettono di identificare l’utente e consentono per esempio di sapere a che punto sei arrivato nella visualizzazione di un video. Grazie a questo, quando si torna sulla pagina che ospita il video, l’utente potrà riprendere esattamente da dove ha interrotto.

Comodo vero? Ecco allo stesso modo un cookie può permettere ad utenti ed inserzionisti di continuare il percorso di apprendimento riguardo ad un brand ed un prodotto.

Se questi cookies vengono bloccati in automatico da un browser, questo tipo di tracciamento risulterebbe vano. Anche quando l’utente nega il consenso sul cookie banner del sito, si va incontro a un risultato simile.

Quando l’utente invece dà il consenso sul cookie banner del sito, ma lo nega su un’app specifica di Apple, non riceverà la pubblicità personalizzata, quando navigherà su quell’app.

Come si fa la pubblicità personalizzata nel 2022?

Come è possibile ovviare a questo. Se i cookies possono essere ignorati e la pubblicità personalizzata bloccata, come possiamo permettere alle nostre campagne ads di funzionare ugualmente?

La risposta è: inserendo più touch point nel percorso dell’utente, permettendo di interagire molte più volte rispetto a prima.

Chiedere un’optin via email o la registrazione dell’utente al sito. Tracciare le azioni compiute in modo differente, lato server e non più solo browser side.

Quindi Facebook mette a disposizione la sua Api per le conversioni, chiamata conversion api. Questa và implementata sui siti e sulle app dei clienti.

Il tracciamento server side di Facebook e di Google è quello che permette di identificare l’utente in modo più efficace, perchè utilizza il codice del sito dal lato server. Questo, più le informazioni salvate nei cookies, permettono di avere risultati ancora soddisfacenti e dare significato positivo alle pubblicità personalizzate future. Risolverà il 100% dei problemi? No, ma contribuisce a mantenere performanti le segmentazioni degli utenti e le campagne di marketing.

Oltre a questo, raccogliere l’email degli utenti, permette di poter continuare a inviare pubblicità personalizzate in modo diretto.

Quando facciamo ads per i diversi segmenti di pubblico?

Sempre, tutte le volte che il budget ed il sistema di acquisizione del cliente lo permettono.

Anche se tutti i tracciamenti possibili sono implementati al meglio, ma il sistema di acquisizione ha performance basse. I risultati non saranno mai eccellenti. Nel 2022, lo saranno meno che mai.

Cosa consiglia di fare Google per adeguarsi ai recenti sviluppi dell’industria?

Come abbiamo gestito questa situazione?

L’adeguamento necessario per la legge e per dare efficacia al concetto di pubblicità personalizzata, è un’insieme di azioni che facciamo per il cliente.

Shooting Studio testa il sistema di acquisizione dei clienti, monitorando i risultati. Successivamente interveniamo per migliorare o per creare un percorso dell’utente predefinito.

Implementiamo l’optin e il tracciamento server side in diversi modi.

Predefiniamo la segmentazione del percorso utente e impostiamo delle automazioni che “fanno scattare” le nostre sequenze di email e l’inclusione nei pubblici personalizzati di Facebook.

Questa per esempio è la base che permette ai nostri clienti migliori di continuare a raccogliere nuove visite, contatti e vendite anche nel 2022 con ottimi risultati.

Come rimanere al passo e continuare ad avere campagne personalizzate efficaci?

Richiedi l’implementazione del tracciamento server side per il tuo sito, potremmo configurarlo in autonomia o insieme al tuo sviluppatore.

Prenota un chiamata per evidenziare le possibilità riguardo la pubblicità personalizzata su Google e su Facebook ed il tuo nuovo sistema di tracciamento utenti con automazioni server-side.

Adegua il tuo sistema di acquisizione a questo nuovo panorama per non rimanere indietro rispetto ai nuovi standard del settore.

Perchè continuare a fare pubblicità personalizzate efficaci?

In quanto funzionano e migliorano le vendite ed i contatti ricevuti.

Se non ti adegui, il tuo sistema di acquisizione sarà meno efficace e ti occorrerà più budget per ottenere risultati simili a quelli raggiunti in precedenza.

Il presupposto però è farlo nel modo corretto, senza stressare l’utente e senza invadere la sua privacy. Infatti dobbiamo sempre chiedere il consenso dell’utente e permettergli di concederlo (se interessato) o revocarlo (se non più interessato).

I tracciamenti vanno implementati attraverso il browser, ma anche lato server per continuare a targettizzare gli utenti con pubblicità personalizzate efficaci. Non si ci può basare solo sui pubblici personalizzati ma bisogna applicare altre strategie di targettizzazione e comunicare con l’utente a 360° durante tutto il percorso.

Qui la nostra pagina di riferimento, se vuoi continuare a fare pubblcità personalizzate efficaci scrivici qui.

Rispondi

Potrebbe piacerti anche...

Tabella dei Contenuti