GENOVA  – LIGURIA – ITALY

recensioni shooting studio su Google

SHOOTING STUDIO

Gli indicatori di performance delle campagne online

infografica indicatori di performance - kpi
infografica indicatori di performance - kpi
Picture of Simone Grigoli
Simone Grigoli

“Cresci un pò ogni singolo giorno” 

Home » Pubblicità » internet marketing » Gli indicatori di performance delle campagne online
Riassunto articolo: (aggiornato il 10/03/2023)

I principali indicatori di performance.
Cosa sono i KPI e perchè è importante tenerli sotto controllo.
Elenco dei principali KPI dei diversi account pubblicitari e di quelli di Google Analytics 4 (se tutto è impostato bene)

infografica indicatori di performance - kpi

La principale destinazione per l’arte moderna in Svezia

Gli indicatori di performance (KPI) sono una serie di metriche utilizzate per misurare il successo di una campagna pubblicitaria online. Questi indicatori aiutano i marketer a comprendere il rendimento delle loro campagne, a identificare le aree che richiedono miglioramento e a prendere decisioni basate sui dati. In questo articolo, esploreremo i principali KPI utilizzati nelle campagne online di Google, Facebook, YouTube e Instagram, oltre a discutere l’importanza di fissare obiettivi chiari e misurare i risultati.

Se vuoi utilizzare un partner competente per la realizzazione ed il monitoraggio delle tue campagne pubblicitarie, scrivici qui, oppure visita questa pagina.

Perché fissare obiettivi basati sugli indicatori di performance (kpi) è importante

Prima di parlare dei KPI, è importante sottolineare l’importanza di fissare obiettivi chiari per la tua campagna pubblicitaria online. Definire gli obiettivi della tua campagna ti aiuta a capire quale KPI è importante per la tua attività e ti permette di concentrare i tuoi sforzi su quello che conta di più per il tuo business. Inoltre, fissare obiettivi chiari ti aiuta a mantenere la tua attenzione sui risultati finali che desideri raggiungere e ti permette di adattare la tua strategia di conseguenza.

Ora che abbiamo discusso l’importanza di fissare obiettivi, vediamo i principali KPI utilizzati nelle campagne online di Google, Facebook, YouTube e Instagram.

Indicatori di performance delle campagne di Google Ads

Google Ads è una piattaforma di pubblicità online che consente ai marketer di creare annunci pubblicitari che vengono visualizzati quando gli utenti cercano parole chiave specifiche su Google. Ecco i principali KPI utilizzati nelle campagne di Google Ads:

  1. Click-through rate (CTR): il rapporto tra il numero di clic ricevuti dal tuo annuncio e il numero di volte che il tuo annuncio viene visualizzato. Il CTR ti aiuta a capire se il tuo annuncio sta attirando l’attenzione degli utenti.
  2. Conversion rate (CR): il rapporto tra il numero di conversioni generato dal tuo annuncio e il numero di clic ricevuti. Il CR ti aiuta a capire quanto efficace è il tuo annuncio nel generare conversioni.
  3. Costo per clic (CPC): il costo medio di un clic sul tuo annuncio. Il CPC ti aiuta a capire quanto stai pagando per ogni clic ricevuto.
  4. Costo per conversione (CPA): il costo medio di una conversione generata dal tuo annuncio. Il CPA ti aiuta a capire quanto stai pagando per generare una conversione.
  5. ROAS : return on ads spent. Quindi il ritorno sulla spesa pubblicitaria. Roas 5 vuol dire che ogni euro speso ritornano 5€
  6. Utenti raggiunti: il numero di “nuovi” utenti che hanno visto l’annuncio.

Ovviamente questi acronimi sono una parte degli indicatori di performance, se per esempio la pubblicità è video allora si paga per visualizzazione (e non per click):

  1. CPV : costo per visualizzazione del video . Con visualizzazione si intende una percentuale di avanzamento rispetto alla lunghezza totale.
  2. CPM : costo per mille visualizzazioni.

Le metriche della concorrenza

Questa sezione aiuta a capire quanto il tuo annuncio è visibile in senso assoluto, rispetto al numero di ricerche effettuate.

le variabili ovviamente sono il numero ed il tipo di parole chiave scelte e la strategia utilizzata.

Vediamo i più importanti:

  • La quota click : Quanti click ha ricevuto il tuo annuncio, per esempio sulla rete di ricerca, rispetto al numero di click disponibili.
  • Quota Impressioni Rete di Ricerca : in percentuale indica quante volte un tuo annuncio fà un’impressione rispetto al numero totale di ricerche)o impressioni, in questo caso) disponibili.
  • Quota Impressioni Superiore sulla Rete di Ricerca: in percentuale indica quante volte il tuo annuncio fà un’impressione nei primi 4 slot disponibili per gli annunci a pagamento in alto nella prima pagina, rispetto al totale delle impressioni.
  • Quota Impressioni Parte Superiore Assoluta Ricerca: Quante volte il tuo annuncio è il primo in assuluto rispetto al numero di impressioni disponibili.

Le stesse metriche sono disponibili anche per gli annnci della rete Display.

Per entrambe le reti ci sono poi le quote perse, che non sono dei misuratori di performance ma possono dare l’indicazione delle quote disponibili rimanenti.

In conclusione, tutti questi indicatori possono farci capire se il nostro annuncio è molto visibile oppure lo è molto poco.

KPI delle campagne di Facebook Ads

Facebook Ads è una piattaforma di pubblicità online che consente ai marketer di creare annunci pubblicitari che vengono visualizzati sulla piattaforma Facebook.

Ecco i principali KPI utilizzati nelle campagne di Facebook Ads:

  • Click-through rate (CTR): il rapporto tra il numero di clic ricevuti dal tuo annuncio e il numero di volte che il tuo annuncio viene visualizzato. Il CTR ti aiuta a capire se il tuo annuncio sta attirando l’attenzione degli utenti.
  • Conversion rate (CR): il rapporto tra il numero di conversioni generato dal tuo annuncio e il numero di clic ricevuti. Il CR ti aiuta a capire
  • quanto efficace è il tuo annuncio nel generare conversioni.
  • Costo per clic (CPC): il costo medio di un clic sul tuo annuncio. Il CPC ti aiuta a capire quanto stai pagando per ogni clic ricevuto.
  • Costo per conversione (CPA): il costo medio di una conversione generata dal tuo annuncio. Il CPA ti aiuta a capire quanto stai pagando per generare una conversione. (leads, vendita oppure altro)
  • Engagement rate: il rapporto tra il numero di interazioni (like, commenti, condivisioni) ricevute dal tuo annuncio e il numero di volte che il tuo annuncio viene visualizzato. L’engagement rate ti aiuta a capire quanto coinvolgente è il tuo annuncio per gli utenti.

KPI delle campagne di YouTube Ads

YouTube Ads è una piattaforma di pubblicità online che consente ai marketer di creare annunci pubblicitari che vengono visualizzati durante la riproduzione dei video su YouTube. Ecco i principali KPI utilizzati nelle campagne di YouTube Ads:

  • View rate: il rapporto tra il numero di visualizzazioni del tuo annuncio e il numero di volte che il tuo annuncio viene visualizzato. Il view rate ti aiuta a capire se il tuo annuncio sta attirando l’attenzione degli utenti.
  • Watch time: il tempo totale che gli utenti trascorrono a guardare il tuo annuncio. Il watch time ti aiuta a capire quanto coinvolgente è il tuo annuncio per gli utenti.
  • Costo per view (CPV): il costo medio di una visualizzazione del tuo annuncio. Il CPV ti aiuta a capire quanto stai pagando per ogni visualizzazione del tuo annuncio.
  • Conversion rate (CR): il rapporto tra il numero di conversioni generato dal tuo annuncio e il numero di visualizzazioni del tuo annuncio. Il CR ti aiuta a capire quanto efficace è il tuo annuncio nel generare conversioni.

Indicatori di performance delle campagne di Instagram Ads

Instagram Ads è una piattaforma di pubblicità online che consente ai marketer di creare annunci pubblicitari che vengono visualizzati sul social media di Instagram.

Insieme a Tik Tok sono le piattaforme che al momento presentano maggiori aggiornamenti e novità repentine.

Però i numeri importanti da tenere sott’occhio sono sempre gli stessi:

I principali KPI utilizzati nelle campagne di Instagram Ads:

  • Click-through rate (CTR): il rapporto tra il numero di clic ricevuti dal tuo annuncio e il numero di volte che il tuo annuncio viene visualizzato. Il CTR ti aiuta a capire se il tuo annuncio sta attirando l’attenzione degli utenti.
  • Conversion rate (CR): il rapporto tra il numero di conversioni generato dal tuo annuncio e il numero di clic ricevuti. Il CR ti aiuta a capire quanto efficace è il tuo annuncio nel generare conversioni.
  • Costo per clic (CPC): il costo medio di un clic sul tuo annuncio. Il CPC ti aiuta a capire quanto stai pagando per ogni clic ricevuto.
  • Costo per conversione (CPA): il costo medio di una conversione generata dal tuo annuncio. Il CPA ti aiuta a capire quanto stai pagando per generare una conversione.

Indicatori di performance del sito con Google Analytics

Oltre agli account ed alle piattaforme pubblicitarie viste sopra, abbiamo poi gli indicatori di performance del sito web.

Grazie a Google Analytics possiamo capire quanto il sito è performante a seconda dei diversi canali di traffico ricevuti. (sorgenti di traffico) Oppure quanto lo è in senso relativo, cioè rispetto a tutto il traffico in entrata.

Addirittura con i benchmark di settore di Google Analytics si poteve anche stimare quanto il sito sia performante in senso assoluto, cioè rispetto alla media dei siti “simili” al nostro e nello stesso settore di competenza.

Gli indicatori di performance sul sito e sulle App sono utili per una visione generale dell’andamento del business per la parte online.

Ecco alcuni indictori di performance diversi da quelli che abbiamo visto sopra:

  • ARPU : indica il ricavo medio per ogni utente ( Averagerevenue per user)
  • LTV : life time value, il valore medio delle vendite diviso i primi 120 giorni di navigazione/utilizzo per utente, diviso per il numero di utenti.
  • DAU/MAU : Ad esempio, il report “DAU/MAU” indica la percentuale di utenti che hanno interagito con il tuo sito web o la tua app nelle ultime 24 ore rispetto a quelli che hanno interagito negli ultimi 30 giorni.
  • DAU/WAU : Utenti attivi giornalieri (DAU): il numero di utenti attivi nelle ultime 24 ore. Utenti attivi nella settimana (WAU): il numero di utenti attivi negli ultimi 7 giorni. Anche questo espresso in percentuale.
  • WAU/MAU : è il rapporto tra gli utenti attivi nel mese e quelli attivi nella settimana in percentuale.
  • Eventi: per esempio view_item , ossia quanti utenti visualizzano una pagina prodotto. Questo è un KPI che teniamo sotto controllo per capire l’interesse dei navigatori rispetto alle informazioni trovate sul sito ed ai prodotti.
  • Gli altri eventi possono essere dei KPI . Per esempio se sappiamo che il nostro sito ha un conversion rate (CR) del 2% . Sappiamo che ogni 100 utenti realizzeremo 2 vendite. In base a questo potremmo avere come obbiettivo questo mese di coinvogliare nuovo traffico nella misura di 2000 utenti in più per realizzare 40 vendite in più.

Ora che abbiamo esplorato i principali indicatori di performance utilizzati nelle campagne online di Google, Facebook, YouTube e Instagram e su Google Analytics è importante osservare che la scelta dei KPI giusti dipende dagli obiettivi della tua campagna pubblicitaria.

Prima di iniziare la tua campagna, è importante stabilire obiettivi chiari e specifici che desideri raggiungere. Ad esempio, potresti voler aumentare il traffico sul tuo sito web, generare più vendite, aumentare la consapevolezza del tuo brand o acquisire più lead.

Una volta che hai stabilito i tuoi obiettivi, puoi scegliere i KPI giusti per la tua campagna pubblicitaria. Ad esempio, se il tuo obiettivo è quello di aumentare il traffico sul tuo sito web, potresti utilizzare il CTR come KPI. Se il tuo obiettivo è quello di generare più vendite, potresti utilizzare il CR come KPI.

È importante ricordare che gli indicatori di performance non dovrebbero essere scelti a caso. Devono essere pertinenti e misurabili rispetto agli obiettivi della tua campagna pubblicitaria e della tua strategia commerciale. (prevista dal piano di marketing).

Inoltre, i KPI devono essere monitorati e analizzati regolarmente per assicurarsi che la tua campagna pubblicitaria stia producendo i risultati desiderati.

In conclusione

Gli indicatori di performance sono essenziali per valutare l’efficacia delle tue campagne di marketing online. Google, Facebook, YouTube, Instagram e Analytics sono solo alcune delle piattaforme di pubblicità online più popolari, ognuna delle quali utilizza una serie di KPI per valutare le prestazioni delle tue campagne pubblicitarie.

La scelta dei KPI giusti dipende dagli obiettivi della tua campagna pubblicitaria, ma tutti i KPI devono essere pertinenti, misurabili e monitorati regolarmente per assicurarsi che la tua campagna pubblicitaria stia producendo i risultati desiderati.

Se vuoi utilizzare un partner competente per la realizzazione ed il monitoraggio delle tue campagne pubblicitarie, scrivici qui, oppure visita questa pagina.

0 0 voti
Votazione
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Commento in linea
Vedi tutti i commenti
Didattico

Tabella dei Contenuti

0
Facci sapere come la pensi...x